Il bio computer

“Quando Daniela mi racconta la rabbia che esplode dentro di lei verso il suo compagno, sembra colpita dall’intensità della sua reazione perché -dice- ‘solo lui riesce a tirar fuori questo lato di me’.” Le parole di Daniela riflettono una verità profonda che molti di noi scoprono nel corso delle nostre relazioni più intime: gli altri non solo toccano i nostri tasti emotivi più sensibili, ma a volte ci rivelano aspetti di noi stessi che faticavamo a riconoscere o accettare.

 

Le nostre relazioni, in particolare quelle più strette e personali, funzionano come specchi che riflettono versioni di noi che possono sorprenderci. “Perché ho reagito così impulsivamente, se in genere sono molto razionale?” è una domanda che potrebbe sorgere dopo un confronto emotivo. Questi momenti di sorpresa emotiva sono significativi perché infrangono l’immagine coerente e controllata che abbiamo di noi stessi.

Spesso ci definiamo con storie consolidate, elencando qualità e difetti come se stessimo presentando un curriculum vitae durante un colloquio di lavoro. “Sono razionale, sono insicuro” sono etichette che portiamo avanti, spesso impedendoci di vedere oltre. Ma la verità è che siamo complessi.

“Siamo una sinfonia di molti aspetti,” dice una parte ribelle dentro di me. Ogni persona è un mosaico di tratti: severi ma affettuosi, sociali ma bisognosi di solitudine, intuitivi e riflessivi, emotivi e razionali. Le diverse facce emergono a seconda delle persone che incontriamo e delle situazioni che viviamo. Non dobbiamo forzare una parte di noi a prevalere su un’altra, ma piuttosto fare spazio a tutte le parti per integrarle armoniosamente.

Le nostre relazioni sono preziosi specchi che rivelano sfaccettature sconosciute della nostra personalità. Partner, famiglia, amici, colleghi di lavoro — ogni incontro può essere un’opportunità per scoprire di più su noi stessi. Durante i percorsi di aiuto, spesso emerge il desiderio di comprendere perché certi comportamenti altrui risonano così profondamente in noi.

A volte, il dolore di riconoscere un’immagine di noi che non ci piace può spingerci a distanziarci da persone o esperienze. Ma, cosa succederebbe se invece di allontanarci, ci avvicinassimo con curiosità? Potremmo iniziare a ricomporci, raccogliendo i pezzetti di noi stessi che scopriamo attraverso le nostre interazioni.

Il cammino verso una maggiore autoconsapevolezza e integrazione di sé può iniziare ogni giorno, semplicemente ascoltandoci mentre interagiamo con gli altri. Dalle relazioni casuali a quelle più intime, ogni interazione ha il potenziale di insegnarci qualcosa di nuovo su chi siamo.

Your Bag
Shop cart Your Bag is Empty